Roma, corteo dei liberi professionisti contro le leggi inadeguate e le tariffe al ribasso

mag 12, 2017 No Comments by

ROMA – Domani toccherà al movimento “NoiProfessionisti” scendere in piazza per un corteo che mobiliterà diverse categorie di lavoratori autonomi come avvocati, medici, architetti, ingegneri e giornalisti. Il precariato e la drammatica congiuntura economica ha ulteriormente aggravato quelle che sono le lacune di un sistema normativo che non tutela il lavoratore che ha scelto e ha investito sulla libera professione. Una crisi epocale che non risparmia neppure coloro che dovrebbero avere delle tutele ordinistiche e che adesso chiedono al governo e alle istituzioni un sistema tariffario regolamentato che ponga un freno rispetto alla corsa delle tariffe al ribasso, con una legge che inserisca dei punti fermi sull’equo compenso dei lavoratori indipendenti, e quindi il superamento della Legge 248/2006, che sancisce di fatto l’abolizione delle tariffe professionali con conseguenze che in alcuni settori, come quello del giornalismo freelance, risultano a dir poco disastrosi.

Non è dunque possibile accettare che il mercato della globalizzazione possa commissionare un articolo al prezzo di tre euro ad un giornalista che svolge un lavoro di collaborazione esterna. Una vergogna e un fallimento di un sistema lavoro che in questi anni ha ridotto all’osso le salvaguardie per i lavoratori autonomi, con la complicità delle parti sociali del Paese.

Il precariato giornalistico in Italia è un mondo senza tutele. Per un articolo viene pagato anche tre euro, con la conseguenza di un calo drastico della qualità dell'informazione. Le grandi lobby finanziarie controllano sempre più l'informazione attraverso assunzioni

Il precariato giornalistico in Italia è un mondo senza tutele. Un articolo oggi viene pagato anche tre euro, con la conseguenza di un calo drastico della qualità dell’informazione. Le grandi lobby finanziarie controllano sempre più le testate giornalistiche attraverso assunzioni “lottizzate” e pianificate a tavolino. Presto non ci sarà più nessun ricambio generazionale dei giornalisti e l’informazione, considerata come il cane da guardia della democrazia, perderà completamente la sua missione sociale

Il Comitato europeo dei Diritti sociali, al quale è affidato il compito di controllare il rispetto da parte degli Stati degli obblighi previsti dalla Carta che riguarda il lavoro, la tutela giuridica e sociale, ribadisce attraverso una sentenza della Corte di Giustizia Europea dell’8 dicembre del 2016 la legittima inderogabilità sulla previsione dei minimi tariffari attraverso la compatibilità di una normativa europea che dovrebbe essere adottata nella legislazione nazionale dei Paesi membri, fra i quali l’Italia, appunto.

Decisioni, quelle del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che non possono essere più procrastinate vista l’aggravarsi di una situazione che mette in serio pericolo la qualità del lavoro prodotto a basso prezzo. In una società sempre più fondata sui servizi, è fondamentale che in nostro Paese si impegni nell’agevolare il lavoro dei professionisti. L’impianto legislativo nazionale non è stato capace di evolversi ai tempi e quindi alle specifiche e alle esigenze del lavoro attuale, mostrando spesso falle grottesche la cui ricaduta negativa assume contorni drammatici e inequivocabili, come quelli ai quali assistiamo quotidianamente.

La politica, ancora una volta, sembra non aver chiaro il concetto di quanto proprio i professionisti italiani svolgano un ruolo fra più strategici (e vulnerabili) della nostra economia e della nostra società, attraverso il grande contributo che offrono alla conoscenza, all’affidabilità e all’immagine del Paese, all’economia e alla fiscalità, alla formazione dei giovani lavoratori nei confronti dei quali, solo grazie alle singole risorse e attraverso gli ordini professionali, svolgono un ruolo sociale di integrazione e sussidiarietà al sistema formativo pubblico.

Il libero professionista, pur contribuendo in maniera sostanziale alle entrate del fisco nazionale (circa il 13 per cento del Pil), non grava in alcun modo sulla spesa e sul sistema previdenziale pubblico, poiché provvede autonomamente al proprio mantenimento e alla propria previdenza – un dettaglio, quest’ultimo, non trascurabile visto i tempi di vacche magre – , oltre a farsi carico dei rischi d’impresa, con un sistema fiscale e giudiziario che sempre più spesso rende più gravoso l’esercizio della professione.Hands of Couple Looking at Blueprints

Una condizione insostenibile, che sempre più spesso alimenta quella che è la famigerata “fuga di cervelli” all’estero, e non solo in merito ad una questione di dignità personale, ma anche per la contrazione netta registrata per i redditi dei liberi professionisti autonomi che oggi si aggirano fra i 17mila e i 30mila euro annui lordi. Secondo le ultime stime Dal 2007 al 2014 si è avuto un calo reddituale verticale del 22 per cento.

Il corteo, organizzato per domani a Roma, sabato 13 maggio 2017, partirà alle ore 10 da Piazza della Repubblica, per poi dirigersi verso Piazza S.Giovanni in Laterano dopo aver attraversato Via Cavour, S. Maria Maggiore, Via Merulana e Via Emanule Filiberto.

Massimo Manfregola – giornalista

12/5/2017

Follow us on:

Facebook: https://www.facebook.com/MasmanCommunication
Twitter: #masman007  
https://twitter.com/masman007

YouTube: https://www.youtube.com/user/MasmanVideo

Instagram: https://www.instagram.com/massimomanfregola/

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati:

http://www.masman.com/communications/anime-consiglio-deuropa-per-tutela-dei-diritto-sociali/?lang=it

http://www.masman.com/communications/a-lunione-europea-dice-si-allimportazione-35-mila-tonnellate-olio-tunisino-dazio-zero/?lang=it

http://www.masman.com/communications/ue-ricatta-litalia-contro-legge-salva-olio-senato-decisione/?lang=it

http://www.masman.com/communications/dieselgate-volkswagen-sanatoria-manfregola/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-coldieretti-scende-in-piazza-contro-limposizione-ue-produrre-formaggi-latte/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-destino-dellitalia-segnato-serva-bruxelles-preda-dellisis/?lang=it

http://www.masman.com/communications/a-manfregola-vertice-nato-roma-per-i-orizzonti-guerra-ibrida-minaccia-russa/?lang=it

http://www.masman.com/communications/mipaaf-quotelatte-sanzioni-ministro-martina/?lang=it

http://www.masman.com/communications/laffaire-rom-piano-integrazione-miliardario-prospettive/?lang=it

http://www.masman.com/communications/italia-in-riserva-ossigeno-per-uneuropa-sempre-lontana/?lang=it

Cronaca, Life Style, News, Primo Piano

About the author

Massimo Manfregola è un giornalista con esperienze nel campo della comunicazione della carta stampata e della televisione. È specializzato nei settori del giornalismo motoristico, con una particolare passione per l’approfondimento di tematiche legate all’arte e alle politiche sociali.
No Responses to “Roma, corteo dei liberi professionisti contro le leggi inadeguate e le tariffe al ribasso”

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Masman Communications © 2014 - 2017 di Massimo Manfregola - Tutti i diritti riservati - Le foto presenti su www.masman.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. Note Legali