Dal fallimento della globalizzazione al referendum per cambiare la Costituzione italiana

nov 24, 2016 No Comments by

ROMA – «La Repubblica ha settant’anni. Non c’è festa però, anzi tra gli italiani è diffusa l’insoddisfazione». È una citazione dello storico Agostino Giovagnoli, ripreso da un articolo di Andrea Riccardi sul «Corriere della Sera». Non è un caso se in questa frase si sottolinea la percezione di insicurezza di una percorso politico e sociale seminato di incognite e di delegittimazioni.

Il premier Matteo Renzi

Il premier Matteo Renzi

La politica ha finito per rinnegare il suo ruolo nobile di rappresentanza e di guida sociale, riconfigurando un sistema che appare beffardamente sempre più competitivo nella corsa ai privilegi dei suoi rappresentanti e sempre più lontano e distante dai veri problemi che affliggono il Paese.

Si è passati da una politica partecipata dei partiti della metà del Novecento del secolo scorso a quella autoreferenziata di una classe dirigente sostenuta, guidata e finanziata dalle lobby di potere e dalla moderna globalizzazione. La distanza fra l’attuale classe dirigente e il resto della società è siderale. Esiste grande confusione e senso di smarrimento nella popolazione e negli elettori che comprendono sempre meno quelli che sono i risvolti di logiche sociali fatte di numeri e di proiezioni economiche percentuali di società finanziarie che giocano sull’economia, traendo profitti sulla pelle dei risparmiatori, condizionando il destino di molti Paesi.

il presidente emerito Giorgio Napolitano

il presidente emerito Giorgio Napolitano

Il presidente della Camera Laura Boldrini

Il presidente della Camera Laura Boldrini

Persino l’idea di Europa unita, quella nata da autorevoli esponenti come De Gasperi e Spinelli, Schuman e Monnet, di Adenauer, Spaak e Bech, è stata tradita dai progetti speculativi delle banche che hanno messo al centro del progetto comunitario la finanza, con una moneta, l’euro, strumento di una logica perversa in un contesto politico ed economico troppo antitetico e variegato.

È la consapevole illusione del falso rinnovamento che attrae una politica tanto fragile quanto priva di creatività. Negli ultimi decenni i governi hanno costruito la loro credibilità sui falsi bilanci, sulle prospettive fallite, sul rilancio di un’economia spesso truffaldina e sulla refrattaria consapevolezza di “servire lo Stato” come se questi fosse un datore di lavoro a vita. Un approdo sicuro grazie al quale beneficiare incondizionatamente di stipendi sovradimesionati, oltre ad indennizzi e vitalizi da favola. Il tutto al cospetto di una società strangolata da tasse e balzelli inostenibili. Di una macchina della giustizia spesso latitante, lenta, corrotta e politicizzata.

Lo sbarco di migranti coincide con il problema dell'accoglienza e della sicurezza

Lo sbarco di migranti coincide anche con il problema dell’accoglienza e della sicurezza in molte città d’Italia

La Standard and Poor's Corporation è una società privata con base negli Stati Uniti che realizza ricerche finanziarie e analisi su titoli azionari e obbligazioni©AP Photo/Henny Ray

La Standard and Poor’s Corporation è una società privata con base negli Stati Uniti che realizza ricerche finanziarie e analisi su titoli azionari e obbligazioni©AP Photo/Henny Ray

Un quadro completamente nero più che a tinte fosche, sul quale aleggia un dilemma e una domanda sul quesito: è la stessa politica ad aver condizionato le sorti del Paese o viceversa? È certo che molto si è «rottamato» in questi anni, forse per esorcizzare un destino che sembrava segnato da anni di strisciante permissivismo ad ogni livello. La caduta del Muro di Berlino ha forse finito per condizionare il sistema di alcune democrazie del Mediterraneo che hanno interpretato l’evento di portata storica come un segnale per demolire progressivamente ogni resistenza e ogni tabù sulla opportunità di autonomia politica ed economica degli stati, aprendo le porte ad una globalizzazione sfrenata e senza regole.

Mario Draghi è Il presidente della Banca centrale europea

Mario Draghi è Il presidente della Banca centrale europea

Adesso anche gli intellettauli di «sinistra» più progressista fanno il “mea culpa”, e il nuovo libro di Federico Rampini, Il tradimento: Globalizzazione e immigrazione, le menzogne delle élite, ne è una prova. Il giornalista di «Repubblica» sostiene che la globalizzazione è fallita, e punta il dito anche sul giornalismo e sulla comunicazione che in questi anni hanno sostenuto e fatto da cassa di risonanza delle lobby.

In controtendenza rispetto a quanto si credeva, l’apertura delle frontiere ha creato miseria e diseguaglianze. L’ingerenza della politica estera americana sui mercati finanziari e sulle scelte economiche europeiste, nel corso dei due mandati della presidenza di Barack Obama, ha condizionato anche le politiche interne di alcuni Paesi come l’Italia.

Il presidente americano uscente Barak Obama

Il presidente americano uscente Barack Obama

Ci ritroviamo dunque ad essere partner  – a due velocità –  di una Europa fondata sulla leva monetaria. E la globalizzazione è uno dei due motivi principali, assieme a quello del mancato sviluppo tecnologico, della stagnazione salariale (ed economica) in cui versa il Bel Paese ormai da troppi anni a causa di una sindacalizzazione che ha assottigliato il potere contrattuale dei lavoratori.

Gli sfrattti e la mancata tutela delle persone anziene sta diventando una piaga in tutta Italia

Gli sfrattti e la mancata tutela delle persone anziane sta diventando una piaga in tutta Italia

In un contesto a dir poco claustofobico, il governo Renzi – il terzo in ordine di tempo concepito dal presidente emerito Giorgio Napolitano per assicurare continuità ai mecati e alle lobby finanziarie – si appresta a cambiare il testo della Costituzione, secondo una strategia volta a concentrare ogni potere legislativo e di rappresentanza politica territoriale nelle mani del governo. Nell’Italia lacerata da lotte politiche intestine, erosa dalla burocrazia, da una crescita da prefisso telefonico e da una percezione di ingiustizia e di insicurezza sempre più dilangante, si gioca sulle promesse per addomesticare un elettorato sempre più diffidente e indignato da questa classe dirigente inadeguata e inoperosa.

Riusciremo a salvarci da questa palude?

Massimo Manfregola – giornalista

24/11/2016

Follow us on:

Facebook: https://www.facebook.com/MasmanCommunication
Twitter: #masman007  
https://twitter.com/masman007

YouTube: https://www.youtube.com/user/MasmanVideo

Instagram: https://www.instagram.com/massimomanfregola/

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati:

http://www.masman.com/communications/allevamento-suini-antibiotici-possibile-danimarca-cerca-partner/?lang=it

http://www.masman.com/communications/guerra-droga-i-militari-italiani-in-afghanistan-difesa-minaccia-querele-alle-iene/?lang=it

http://www.masman.com/communications/terremoto-aquila-futuro-e-ombre/?lang=it

http://www.masman.com/communications/dolomiti-tasse-costi-nababbi-servizi-mondo-per-turista-cadore/?lang=it

http://www.masman.com/communications/roma-giornalisti-in-piazza-basta-carcere-per-i-reati-mezzo-stampa/?lang=it

http://www.masman.com/communications/diffamazione-giornalisti-messo-museruola-cane-democrazia/?lang=it

http://www.masman.com/communications/contro-lasfissiante-burocrazia-i-viticoltori-monferrato-promuovono-testo-unico/?lang=it

http://www.masman.com/communications/ue-ricatta-litalia-contro-legge-salva-olio-senato-decisione/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-in-veritate-odg/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-ddl-sulleditoria-governo-taglia-i-soldi-dei-giornalisti/?lang=it

http://www.masman.com/communications/giornalisti-massimo-manfregola-ordine-dei-giornalisti/?lang=it

http://www.masman.com/communications/a-lunione-europea-dice-si-allimportazione-35-mila-tonnellate-olio-tunisino-dazio-zero/?lang=it

http://www.masman.com/communications/malattie-rare-scienza-servizio-dei-pazienti/?lang=it

http://www.masman.com/communications/dieselgate-volkswagen-sanatoria-manfregola/?lang=it

http://www.masman.com/communications/giornata-celebrativa-per-dire-basta-bambini-soldato-nazioni-unite-lanciano-lallarme/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-giornalisti-liberta-stampa-negata-minaccia-pistola/?lang=it

http://www.masman.com/communications/islam_manfregola-magdi-cristiano-allam-sua-terza-guerra-mondiale/?lang=it

http://www.masman.com/communications/stata-definitivamente-bonificata-polveriera-sottomarina-ndrangheta/?lang=it

http://www.masman.com/communications/marmitte-furtirame-manfregola-raccolta-metalli/?lang=it

http://www.masman.com/communications/a-manfregola_volkswagen-dieselgate-nello-scandalo-conivolto-marchio-porsche/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-roma-i-giornalisti-protestano-contro-ddl-legge-bavaglio-per-vietare-intercettazioni/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-dieselgate-ministro-rio-comunica-in-italia-ci-709-mila-autovetture-ritirare/?lang=it

http://www.masman.com/communications/prezzo-latte-stalla-in-picchiata-gli-allevatori-fanno-dietrofront/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-negli-studi-rai-news-24-si-riaccende-dibattito-dieselgate/?lang=it

http://www.masman.com/communications/golf-ea-189-euro5-manfregola-dieselgate-volkswagen/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-nonni-avanti-tutta-paese-over-deuropa/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-italia-libia-profughi-colonialismo/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-autostrada-dei-parchi-caro-pedaggi/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-velletri-raccolta-differenziata-velletri/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-destino-dellitalia-segnato-serva-bruxelles-preda-dellisis/?lang=it

http://www.masman.com/communications/m-manfregola-mucca-foraggiata-prima-essere-munta-retata-arresti-per-esponenti-politici-comune-roma/?lang=it

http://www.masman.com/communications/manfregola-capo-maggiore-difesa-claudio-graziano-i-valori-repubblica/?lang=it

http://www.masman.com/communications/roma-olio-extravergine-taroccate-8-confezioni-10-crollo-produzione-in-italia/?lang=it

http://www.masman.com/communications/salento-batterio-killer-delle-piante-ulivo-flagella-salento-procura-apre-uninchiesta/?lang=it

 

Dossier, Primo Piano

About the author

Massimo Manfregola è un giornalista con esperienze nel campo della comunicazione della carta stampata e della televisione. È specializzato nei settori del giornalismo motoristico, con una particolare passione per l’approfondimento di tematiche legate all’arte e alle politiche sociali.
No Responses to “Dal fallimento della globalizzazione al referendum per cambiare la Costituzione italiana”

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Masman Communications © 2014 - 2019 di Massimo Manfregola - Tutti i diritti riservati - Le foto presenti su www.masman.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. Note Legali