È morto Enzo Maiorca, il signore degli abissi che sfidò le profondità del mare

nov 13, 2016 No Comments by

ROMA – I suoi occhi azzurri come il mare che lo ha adottato per gran parte della sua vita non splenderanno più della profondità che hanno ispirato le sue imprese. Enzo Maiorca, “Il signore degli abissi” ci ha lasciati questa mattina all’età di 85 anni. Si è spento nella sua Siracusa, dove era nato il 21 giugno del 1931. Grazie alle sue imprese il mondo conobbe cosa fosse il mondo dell’apnea, prima che diventasse uno sport vero, attraverso il quale anche la scienza prestò il suo prezioso contributo con una scambio di dati e di esperienze mai conosciute prima.

enzo_maiorca_record_masman

Enzo Maiorca, il 22 settembre 1974, nella preparazione di quello che sarà il tentativo (poi fallito) del record dei 90 metri in apnea nello specchio d’acqua della baia di Ieranto a Sorrento

Da provetto pescatore e conoscitore degli anfratti nascosti nelle profondità delle acque che circondano la Sicilia, si dedicò presto alle sfide per raggiungere gli abissi del mare senza l’autorespiratore. Ebbe sempre un grande rispetto del mare e della vita che popola i suo spazi. A 29 anni, nel 1960, arrivò il suo primo record dopo aver toccato il fondo dei 45 metri di profondità, battendo il limite di Amerigo Santarelli, che però nel settembre dello stesso anno, si riappropriava del titolo superando di un metro la precedente misura stabilita dal volitivo avversario siciliano. Poi arrivarono le sfide con Jaques Mayol, fino alla sua ultima impresa agonistica, ormai ultra cinquantenne, quando nel 1988 toccò quota 101 metri di profondità. Migliorò i suoi record per ben 17 volte.

È passato alla storia l’episodio del 1974, allora ripreso in diretta televisiva dalla Rai, quando nel corso del record dei 90 metri, a largo della baia di Ieranto, sulla costiera sorrentina, ebbe uno scontro con l’istruttore subacqueo e allora inviato della Rai Enzo Bottesini che lo costrinse ad abbandonare il tentativo fra lo stupore della sua equipe e la palese indignazione dello stesso Maiorca (di cui possiamo guardare e sentire i fatti dell’epoca attraverso un filmato che postiamo in basso).

Jaques Mayol con Enzo Maiorca, grandi rivali e grandi amici

Jaques Mayol con Enzo Maiorca, grandi rivali e grandi amici

Nel 2005 la morte della figlia Rossana di 45 anni, apneista come il padre, a causa di un tumore al seno che la lacerava da quattro anni, cambiò moltissimo la vita di Enzo Maiorca, che si chiuse in un dolore interiore così grande da portarlo ad isolarsi dal mondo intero.

Oltre che scrittore di molti libri e collaboratore della famosa trasmissione della Rai «Linea Blu», Enzo Maiorca è stato eletto con Alleanza Nazionale senatore della Repubblica italiana dall’aprile 1994 al maggio 1996.

Un grande uomo dei nostri tempi che ha fatto sognare e affascinato generazioni di appasionati del mare e dei suoi misteri. La camera ardente è stata allestita nel salone “Paolo Borsellino” di Palazzo Vermexio a Siracusa. I funerali probabilmente martedì.

Massimo Manfregola – giornalista

13/11/2016

Follow us on:

Facebook: https://www.facebook.com/MasmanCommunication
Twitter: #masman007  
https://twitter.com/masman007

YouTube: https://www.youtube.com/user/MasmanVideo

Instagram: https://www.instagram.com/massimomanfregola/

Era 22 settembre del 1974, ecco il filmato del tentativo di Enzo Maiorca di conquistare il record del 90 metri:

Cronaca, Life Style, News, Primo Piano, Scienza e Salute

About the author

Massimo Manfregola è un giornalista con esperienze nel campo della comunicazione della carta stampata e della televisione. È specializzato nei settori del giornalismo motoristico, con una particolare passione per l’approfondimento di tematiche legate all’arte e alle politiche sociali.
No Responses to “È morto Enzo Maiorca, il signore degli abissi che sfidò le profondità del mare”

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Masman Communications © 2014 - 2018 di Massimo Manfregola - Tutti i diritti riservati - Le foto presenti su www.masman.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. Note Legali