Un drone sorvola le macerie della città fantasma di Pripyat a 28 anni dall’incidente di Chernobyl

dic 12, 2014 No Comments by
Quello che resta di una delle sale operatorie dell'Ospedale di Pripyat

Quello che resta di una delle sale operatorie dell’Ospedale di Pripyat

ROMA – A Pripyat, piccola cittadina ucraina di 50 mila abitanti a pochi chilometri da Chernoby, tutto si è fermato da quel famigerato 6 aprile 1986, dopo il più grande incidente nucleare della storia. La città, che sorgeva vicino al confine bielorusso, era stata costruita nel 1970 per ospitare le famiglie dei lavoratori della centrale nucleare di Chernobyl.

Oggi si presenta come una desolante e malinconica distesa di edifici e di di strutture ormai disabitate e fatiscenti, logorati dal tempo e dalla natura che pian piano, con la sua vegetazione, sembra volersi riappropriare del suo spazio. Pripyat era una moderna e funzionale città, con degli standard di vita molto al di sopra rispetto a quelli dell’intera Unione SovieticaOspedali, centri commerciali, ristoranti, cinema, teatro, due grandi alberghi, centri sportivi tra cui una piscina coperta, che rimase attiva fino alla fine degli anni ’90 per il personale della centrale, che continuò ad operare con tre soli reattori fino al 2000. 

Attualmente sono solo qualche centinaio le persone che ostinatamente continuano a vivere nelle campagne circostanti di quella che era una ridente e vivace cittadina; proprio in quelle zone, a pochi chilometri dalla città, definite fra le aree più contaminate perché posizionate sottovento rispetto alla centrale nucleare, al punto che le polveri radioattive resero rossa l’intera vegetazione di alberi ad alto fusto che furono poi abbattuti e sotterrati.

Le riprese realizzate dal regista inglese Danny Cooke con l’aiuto di un drone sorvolano una ruota panoramica arrugginita, una piscina abbandonata, alberi che crescono all’interno di edifici fatiscenti. Sulle note di Promise Land di Hannah Miller, la camera scivola in un paesaggio che somiglia più a un set cinematografico che a un luogo reale. Tutto sembra essersi fermato quel maledetto 6 aprile 1986, quando il reattore numero 4 della centrale elettronucleare di Chernobyl si surriscaldò fino a fondersi provocando due esplosioni devastanti.

Si stima che la città potrà essere nuovamente abitata, con margini di rischio accettabili, tra circa 500-600 anni.

mas.man.

Credits: pripyat.com - Karlo Osimo

IL VIDEO:

https://www.youtube.com/watch?v=GDTh1yruJVY

Gofly

About the author

The author didnt add any Information to his profile yet
No Responses to “Un drone sorvola le macerie della città fantasma di Pripyat a 28 anni dall’incidente di Chernobyl”

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Masman Communications © 2014 - 2019 di Massimo Manfregola - Tutti i diritti riservati - Le foto presenti su www.masman.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. Note Legali