Velletri, la Commissione rifiuti boccia la costruzione della centrale a biogas

dic 18, 2015 2 Comments by

VELLETRI – La centrale per la produzione di biogas non s’ha da fare. Nulla a che vedere con la storia di Renzo e Lucia nel famoso romanzo di Manzoni, anche se sul piede di guerra aveva preso posizione una nutrita rappresentanza di oppositori alla costruzione dell’impianto che si sarebbe dovuto realizzare nella zona di Lazzaria, nell’agro veliterno, nella zona del penitenziario di Velletri.

La sala del Consiglio comunale di Velletri durante il lavoro dell'esecutivo di ieri pomeriggio

La sala del Consiglio comunale di Velletri durante il lavoro dell’esecutivo di ieri pomeriggio

In una sala consiliare gremita come un uovo a stemperare gli animi di un gruppo ordinato e composto di circa un centinaio di dimostranti ci ha pensato la relazione del consigliere Giorgio Greci, che ha presieduto e compilato la Commissione speciale sullo studio di fattibilità del progetto della Volsca Ambiente e Servizi S.p.A. la compartecipata dello stesso Comune di Velletri, che si occupa della raccolta dei rifiuti urbani.

sostenitori_no-biogas_velletri_masman

La numerosa compagine di rappresentanti che inneggiano al “no biogas” schierati sotto il porticato del Palazzo di Città a Velletri

Nel consiglio comunale che si è svolto ieri alle 14.30 in punto si discuteva in qualche modo il futuro della cittadina dei Castelli romani. Le preplessità sull’utilizzo di una scelta strategica industriale molto discutibile a causa delle sue negative ricadute ambientali su un territorio fatto di eccellenze agro-alimentari riconosciute in tutto il Paese, ha messo in allarme i comitati “no biogas” nonché i piccoli imprenditori agricoli della zona che vedevano compromessa la qualità delle loro coltivazioni (quasi tutte con marchi di qualità Dop e Doc per vini e kiwi) nell’eventualità di un insediamento di un impianto necessario alla digestione anaerobica dei rifiuti organici da raccolta differenziata nella provincia di Roma.

La relazione della Commissione d’inchiesta è servita per decretare il fallimento di un progetto le cui criticità erano note da tempo, al punto che persino la Regione Lazio, nell’estate scorsa, aveva pensato bene di bocciare un elaborato molto simile a quello del Comune di Velletri, della società Ecoparco che voleva realizzare a sua volta un grosso centro di smaltimento e trattamento dei rifiuti, in località Cinque archi, proprio costruendo una centrale a biogas.

comitato_coltivatori_indiani_velletri

Il comitato di coltivatori di kiwi di origine indiana preoccupata delle ricadute ambientali della delibera del 2012

Una scelta infelice quanto pericolosa quella della Volsca Ambiente e Servizi, che non ha tenuto conto dei tanti pericoli derivanti dagli effetti del biogas e del digestato che inquinano le falde acquifere che, proprio nell’area interessata dal progetto della centrale, risultano poco profonde e coperte da terreni molto permiabili che espongono l’intera zona agricola al pericolo di assorbimento del percolato (composto da inquinanti metallici e azoto ammoniacale) prodotto dagli scarti industriali di un simile agglomerato industriale, per non parlare delle emissioni inquinanti pre e post-combustione.

Ma la beffa è servita su un piatto d’argento ai cittani di Velletri a partire dal primo gennaio del nuovo anno, perché – così come ha annunciato ieri il sindaco Fausto Servadio nel suo intervento – le 6000 tonnellate di rifiuti organici prodotte ogni anno a Velletri verranno trasferite presso la discarica dell’Inviolata del Comune di Guidonia Montecelio ad un costo pattuito per tonnellata di 117 euro, pari ad una spesa di 702 mila euro/anno.

rifiuti_velletri_001

L’evidente degrado che fa da sfondo ad ogni angolo della Città

Dopo che ci sono voluti quasi quattro lunghi anni per giungere alla revoca della delibera comunale del 15 maggio 2012 contestualmente al progetto di una centrale a biogas, nata male e finita peggio, è alquanto curiosa l’affermazione del giovane assessore della maggioranza del Partito democratico Stefano Pennacchi quando dice «Da oggi (ieri per chi legge n.d.r.) comincia un percorso di discussione per capire cosa fare in futuro». Certo, un futuro disseminato di incertezze per i veliterni sempre più vessati da tasse e balzelli che, invece di migliorare quelli che sono i servizi alla città, si vedono ogni giorno sempre più schiacciati dal gorgo di una politica in affanno e inadeguata per una gestione virtuosa e sostenibile della cosa pubblica.

Quindi tutto è rimandato a febbraio prossimo, quando la convocazione di un nuovo Consiglio comunale dovrà decidere quale alternativa trovare al progetto abortito della centrale di biogas.

Intanto, dopo l’impopolare decisione della Volsca Ambiente e Servizi di abolire i vecchi cassonetti dei rifiuti per la raccolta differenziata in città, sono sempre più evidenti i disagi per una buona parte della cittadinanza, costretta allo stoccaggio dei rifiuti organici direttamente nelle abitazioni private, senza la possibilità di poter accedere agli appositi cassonetti in strada, che adesso sono del tutto spariti.velletri_immondizia_maurizio

Il Comune di Velletri, attraverso la sua compartecipata, ha così dotato ogni singola unità abitativa di ben quattro contenitori per lo stoccaggio dei rifiuti solidi urbani, di cui due tipi per gli scarti organici, uno per la carta e metalli e l’ultimo per la raccolta della plastica. Insomma un vero rompicapo per le massaie, costrette anche a trovare uno spazio dedicato fra le mura domestiche per i voluminosi contenitori dei rifiuti “porta  aporta” che tutti assieme occupano uno spazio di oltre 2 metri quadri; non certo trascurabile se consideriamo che i numerosi immobili in dotazione a molte famiglie che hanno denunciato la criticità della situazione, vivono in appartamenti con una metratura che non supera i 40 metri quadrati.rifiuti_velletri_002

velletri_rifiuti_003

Sporcizia e rifiuti abbandonati nella zona di Colle Palazzo a Velletri

Il disagio dei cittadini, che hanno avviato anche una raccolta firme fino ad ora ignorata dall’Amministrazione comunale, è equiparabile al degrado urbano che alimenta il randagismo e il pericolo del proliferare di malattie infettive (soprattutto nel periodo estivo) attraverso il contatto di liquami organici con i contenitori dei singoli inquilini che rimangono in strada per l’intera notte prima di essere svuotati.

Se è vero che per molti comuni italiani i rifiuti organici diventano una risorsa per la collettività, la città di Velletri dovrà pagare ancora un conto molto salato prima di poter pensare di entrare nell’esclusivo club delle amministrazioni più virtuose ed efficienti di un Paese ormai in riserva di ossigeno.

Massimo Manfregola

18/12/2015

Twitter: #masman007

Follow us on: https://www.facebook.com/MasmanCommunications

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati:

A Velletri la raccolta dei rifiuti “porta a porta” fa infuriare i cittadini. Rischio infezioni per lo stoccaggio in casa:

http://www.masman.com/communications/manfregola-velletri-raccolta-differenziata-velletri/?lang=it

Velletri, una sedia a rotelle nuova di zecca in soccorso dell’ospedale locale:

http://www.masman.com/communications/velletri-sedia-rotelle-nuova-zecca-in-soccorso-dellospedale-locale/?lang=it

Velletri, gran successo per la 2 edizione della Coppa San Giovanni Battista di ciclismo:

http://www.masman.com/communications/manfregola-velletri-gran-successo-per-2-edizione-coppa-san-giovanni-battista-ciclismo/?lang=it

Giogione “Orto e Cucina” a Velletri:

http://www.masman.com/communications/velletri-manfregola-giorgione-orto-cucina-non-mangia-vegano-passione-per-buon-cibo-natura-val-pusteria/?lang=it

Sua maestà la Amatriciana regina dei Castelli romani e dell’Agro Pontino:

http://www.masman.com/communications/sua-maesta-amatriciana-regina-dei-castelli-romani-dellagro-pontino/?lang=it

Cronaca, Mostre & Eventi, Primo Piano

About the author

Massimo Manfregola è un giornalista con esperienze nel campo della comunicazione della carta stampata e della televisione. È specializzato nei settori del giornalismo motoristico, con una particolare passione per l’approfondimento di tematiche legate all’arte e alle politiche sociali.

2 Responses to “Velletri, la Commissione rifiuti boccia la costruzione della centrale a biogas”

  1. Maurizio says:

    Gran bell’articolo!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Masman Communications © 2014 - 2019 di Massimo Manfregola - Tutti i diritti riservati - Le foto presenti su www.masman.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. Note Legali