L’arte e l’aerografo di Alberto Ponno disegnano la storia delle corse e i suoi miti

giu 05, 2015 No Comments by

ROMA – A volte penso che Mark Zuckerberg, l’artefice di Facebook, il social forum che vanta quasi 1, 5 miliardi di utenti registrati in tutto il mondo, inconsapevolmente abbia compiuto una grande rivoluzione. La lista dei miei contatti raccoglie molti nomi di coloro che hanno fatto della loro passione per l’automobilismo sportivo una ragione di vita o una professione. Non è stato difficile incrociare anche quello di Alberto Ponno, oggi uno dei più quotati artisti moderni per quanto riguarda le creazioni fotorealistiche di capolavori realizzati con l’aerografo.

Alberto Ponno circondato dalle sue opere

Alberto Ponno circondato dalle sue opere

Guardi le sue opere e ne rimani impressionato perché attraverso quelle forme, quei disegni e quei dettagli fotografici che sono la riproduzione fedelissima di frammenti di storia dell’automobilismo sportivo degli anni Cinquanta e Sessanta e oltre, conservano un’anima pulsante frutto della passione smisurata di Alberto Ponno per questo microcosmo cromato e colorato. Auto e piloti in una simbiosi perfetta, a raccontare le gesta di campioni e di gare epiche che diventano icone di un mondo dai risvolti affascinanti.

Alberto nel suo studio mentre autografa le sue opere

Alberto nel suo studio mentre autografa le sue opere

Alcune fasi della colorazione dell'opera attraverso una particolare tecnica con aerografo a mano libera

Alcune fasi della colorazione dell’opera attraverso una particolare tecnica con aerografo a mano libera

«Quello di Michael Schumacher è stato il lavoro più impegnativo fra tutti quelli realizzati – sottolinea Alberto Ponno con soddisfazione e un pizzico di orgoglio riferendosi alla riproduzione della Ferrari F2004 – . Ha richiesto un anno e mezzo di impegno costante e 2500 ore di lavoro». La tecnica usata da Ponno è particolare perché richiede numerosi passaggi che l’artista di origine abruzzese mette in atto a mano libera, senza l’uso di “maschere”: «Sono l’unico artista al mondo ad usare questa tecnica che non prevede l’uso di cutter, gomme o maschere. La pittura con l’aerografo viene fissata direttamente su un foglio bianco di alluminio, sul quale viene proiettata una diapositiva che serve da guida per il resto del lavoro che richiede molta precisione e dedizione totale». Come ogni artista che si rispetti anche Alberto Ponno ha un suo segreto per disegnare  ellissi e cerchi a mano libera con la precisione di un sofisticato plotter computerizzato come ci spiega personalmente: «Per evitare quelli che potrebbero essere anche i più piccoli movimenti devo spesso disegnare in apnea: cioè, trattenendo il fiato evito che la respirazione possa avere ripercussioni sul movimento della mano. Come i piloti di Formula 1 nei tratti più impegnativi e sul filo dei 300 all’ora per modellare ogni curva con precisione millimetrica devo trattenere il respiro per ottenere la massima precsione delle mie fotocoposizioni aerografe».

Un serbatoio di una moto aerografato con un

Un serbatoio di una moto aerografato con un frammento fotografico di una delle gare di Phil Hill del 1961

Nella lunga collezione di autentiche opere d’arte di Ponno abbiamo anche caschi personalizzati e un serbatoio per motocicletta che riproduce un frame del passaggio a Montecarlo di Phil Hill con la Ferrari F156 con la quale il pilota statunitense si aggiudicò il Mondiale piloti e costruttori nel 1961, con quella che fu la prima Ferrari a motore posteriore della storia.

Ascari, Ferrari D50

Ascari, Ferrari D50

Elencare tutti i suoi lavori sarebbe una impresa titanica, ma l’occasione migliore per conoscere i segreti del suo strepitoso lavoro è in occasione della rassegna artistica espositiva che Alberto Ponno tiene assieme a sua moglie Giulia Riva a Villa Castello Visconteo a Trezzo sull’Adda dal 10 al 14 giugno. Una occasione da non perdere.

La passione dei motori in Alfa Romeo, le corse e l’amore per il disegno

Alberto Ponno è nato a Roseto degli Abruzzi nel 1945. Si stabilisce a Milano nel 1967, dove lavora presso il reparto esperienze motori dell’Alfa Romeo, al Portello come tecnico motorista per alcuni anni. In quel periodo partecipa anche a numerose gare automobilistiche guidando un’Alfa Romeo GTA. In seguito svolgerà l’attività di preparatore di motori da competizione, per privati e anche per la Scuderia Jolly Club.

Ponno in una divertente posa con sua moglie Giulia

Ponno in una divertente posa con sua moglie Giulia

Il disegno è sempre stata la sua passione, negli anni ottanta abbandona il mondo delle auto da corsa per dedicarsi alla pittura con l’aerografo. I suoi soggetti preferiti, manco a dirlo… le gare automobilistiche degli anni della sua infanzia. I suoi dettagliatissimi disegni, che richiedono un enorme quantità di tempo, da uno ad oltre tre mesi, vengono eseguiti esclusivamente ad aerografo e a mano libera. Non viene mai utilizzato nessun tipo di mascheratura. Tra i suoi clienti, nel corso della sua trentennale attività in questo campo, Alfa Romeo, Ferrari e Maserati.

Un casco con un disegno suggestivo e spettacolare

Un casco con un disegno suggestivo e spettacolare

Nel 2004 gli è stato conferito, negli Stati Uniti, dalla rivista Airbrush action, il prestigioso “Vargas Haward“. Tra i cinque destinatari di tale riconoscimento nel 2004, c’era anche il grande Frank Frazetta. Aerografista di fama mondiale, attualmente vive e lavora a Trezzo sull’Adda (MI). (biografia a cura di: ww.istitutoeuropeoaerografia.it)

Massimo Manfregola

5/6/2015

Credits photo: www.albertoponno.com

Twitter: #masman007

Follow us on: https://www.facebook.com/MasmanCommunication

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Arografia su tela, Alfa GTA 1300 Junior

Arografia su tela, Alfa GTA 1300 Junior

Life Style, Mostre & Eventi, Motorsnews, Turismo, Arte e Cultura

About the author

Massimo Manfregola è un giornalista con esperienze nel campo della comunicazione della carta stampata e della televisione. È specializzato nei settori del giornalismo motoristico, con una particolare passione per l’approfondimento di tematiche legate all’arte e alle politiche sociali.
No Responses to “L’arte e l’aerografo di Alberto Ponno disegnano la storia delle corse e i suoi miti”

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Masman Communications © 2014 - 2019 di Massimo Manfregola - Tutti i diritti riservati - Le foto presenti su www.masman.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo. Note Legali